Don Luigi Bosio
Fine Menù
Scritti

 



Beati mundo corde, quoniam ipsi Deum videbunt.

Sono otto le beatitudini, le promesse d'una divina felicità, proclamate nel Vangelo.

Ma ciascuna beatitudine si regge da sè: può stare e bastare da sola: può, cioè, riempire di vera felicità, chi la possiede.

Vi annuncio, come sempre nella Liturgia, cose meravigliose: le meraviglie di Dio! Vi offro in dono le delizie degli Angeli.

«Vos considerate potius dantem Dominum, quam ministrum distribuentem.

È Lui, che dona; io, tremante, non faccio che distribuire.

Beati qui audierunt loquentem in carne Sapientiam:

beati qui Verbi Dei verba, quae ab ejus ore processerunt, audierunt»  (Bern.).

Beati coloro che hanno udito il Verbo: beati anche coloro, che odono le parole del Verbo.

 

*     *     *

 

La nostra preghiera ai Santi, a tutti i Santi, nostri intercessori:

«Obsecro vos per matrem caritatem: securi estis de vobis, solliciti estote de nobis»  (Aug.).

O voi, che siete così vicini alla "Carità madre", alla Sorgente dell'Amore: voi che ormai siete al sicuro, prendetevi cura sollecita di noi.

«Vos portae pulcherrimae, quae in magnam surrexistis altitudinem: adjuvate nos vile pavimentum, longe inferius jacens»  (Aug.).

Voi, porte bellissime, ingressi trionfali al Cielo: guardate a noi, che formiamo appena il pavimento dell'eterna Città: oh quanto in basso, quanto lontani da voi!

 

*     *     *

 

Una sola "Beatitudine" basta a riempirci di felicità santa: a darci una nostalgia infinita di Paradiso.

Vi metto nelle orecchie e nel cuore, nell'anima e nel corpo, lo splendore della sesta beatitudine:

«Beati i puri di cuore perché vedranno Dio».

Gustala, e ti sentirai i piedi sollevarsi da terra.

Tutto ti parlerà di Dio: dal tempio santo, che sei tu stesso, all'universo intero.

«Spiritus Domini replevit orbem terrarum...»: Testimone lo Spirito del Signore, che ha riempito d'amore cielo e terra.

Se tu sei puro, di cuore e di corpo - non puoi, infatti, essere puro di corpo, se non lo sei di cuore, "si spezza il velo del tempio", crolla la parete della materia: vedrai Dio!

Se tu sei puro, tutto sarà puro per te.

 

*     *     *

 

Che volete, dunque, da me?

Materia, o spirito?

Discussioni, o fede?

Contestazioni, o umiltà.

Discorsi inutili, o preghiere?

Tamburi e chitarre, o silenzio?

Tumulto, o pace?

Divertimenti a non finire, o la Liturgia, nel sommo decoro e raccoglimento della Casa del Signore?

Il benessere del tempo, o l'eterno Bene?

Come comprendere...? Chi può vedere?

Beati i puri di cuore.

Forse ho ricevuto, molto indegnamente, un deposito di grazia, una indelebile unzione sacerdotale, per svuotarle nelle vanità terrene?

Sono forse io, che devo scendere a livello del mondo, o non è il mondo, che deve salire alle altezze sublimi della mia grazia sacerdotale?

Sono forse io, che ho bisogno del mondo, pur costretto a vivere nel mondo: o non piuttosto il mondo, che ha bisogno non di me, ma di Dio?

 

*     *     *

 

Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio?

Beatitudine plenaria!

Chi è puro di cuore, è ricchissimo di spirito,

è mitissimo d'anima

è felicissimo nel pianto

dà corpo, incarnazione alla santità

è mano umilissima, aperta ad ogni necessità

è nell'ordine della pace, o nella pace dell'ordine

è invulnerabile nel dolore.

«Vita totius elegantiae et dignitatis plenissima!»  (Aug. Sol. libro I e XIV).

Oh! vita elegantissima e dignitosissima!

Alla maniera di Dio.

Nella statura della grandezza di Cristo.

Sia benedetto il Signore, in ogni luogo, in ogni tempo:

perché ha usato verso di noi la sua misericordia.

 

 

Don Luigi Bosio, In festo Omnium Sanctorum - 1969 - Celebrazione mattutina: S. Messa Parrocchiale, Ore 6, «Jerusalem Nova», Ottobre - Novembre 1969, Anno XX, N. 34 (195).


Separatore